Valutazione e trattamento del decadimento cognitivo – demenze

Il decadimento cognitivo, e più in breve la demenza, è caratterizzato in prima istanza dalla comparsa del deficit della memoria che poi si associa a disturbi in altre aree cognitive. Questo decadimento causa una significativa e progressiva riduzione della qualità della vita quotidiana.

Nella valutazione sarà cruciale da parte del professionista differenziare fra un normale invecchiamento cerebrale e la presenza di una demenza.

L’individuazione e quindi la relativa diagnosi di demenza nelle sue fasi iniziali è molto difficile, spesso trascorre molto tempo dalla comparsa dei primi sintomi alla sua diagnosi definitiva.

La presenza di una demenza deve essere sospettata in soggetti anziani che presentano:

  • Difficoltà a ricordare recenti conversazioni, eventi e appuntamenti;

  • Frequentemente ripone gli oggetti in malo modo;

  • Difficoltà a seguire ragionamenti lunghi e complessi (a casa o al lavoro;

  • Difficoltà nell’eseguire compiti che richiedono l’esecuzione di numerose azioni;

  • Si mostra stranamente poco rispettoso delle regole sociali di comportamento;

  • Difficoltà nell’orientamento durante la guida dell’automobile, tendenza a perdersi anche in luoghi familiari;

  • Difficoltà a ricordare il giorno della settimana o la data attuale;

  • Difficoltà sempre maggiori a trovare le parole giuste, che esprimano ciò che si vuole comunicare. Comparsa di un disturbo del linguaggio (afasia)

  • Atteggiamento passivo e con reazioni non adeguate alle situazioni;

  • Irritabilità e sospettosità più frequenti del solito;

  • Tendenza ad interpretare in modo sbagliato stimoli uditivi o visivi. Comparsa di un disturbo nel riconoscimento dei volti familiari (prosopoagnosia).

VALUTAZIONE

Il percorso di valutazione che si effettua nel nostro Centro prevede l’acquisizione delle informazioni attraverso tre fonti molto importanti:

  • Esame obiettivo: comprende necessariamente un’indagine neurologica;

  • Valutazione funzionale: è effettuata chiedendo al soggetto e ai suoi familiari come gestiscono le azioni del vivere quotidiano;

  • Valutazione neuropsicologica: è svolta attraverso un’indagine formale tramite strumenti strutturati e standardizzati, allo scopo di fornire indicazioni obiettive sull’esistenza del deficit cognitivo, di indicare le aree colpite e di fornire una valutazione quantitativa della gravità degli eventuali deficit.

TRATTAMENTO

Il trattamento del soggetto affetto da demenza mira al rallentamento del decadimento stimolando e rafforzando le capacità intellettive conservate. l’intervento vuole migliorare la capacità della persona di apprendere e generalizzare nuove strategie per risolvere i problemi quotidiani, modificando quelle disfunzionali e fornendo abilità compensative.

L’operatore svolgerà le sedute di trattamento con l’obiettivo di insegnare ad aumentare l’utilizzo di aiuti esterni e metodi di compensazione, consentire una certa autonomia, promovendo l’utilizzo di promemoria, di agende, di liste, ecc. Il soggetto sarà indotto a tale uso mediante rinforzi positivi.

Tra le tecniche più utilizzate, nel nostro Centro si attuano:

  • La terapia della validazione: attraverso l’empatia si entra in sintonia con la persona e le si insegna la verbalizzazione delle emozioni e la riverberazione del mondo interno; questo ha lo scopo di migliorare lo stato emotivo, la comunicazione con gli latri;

  • La terapia della reminiscenza: attraverso la stimolazione del ricordo degli eventi della persona, si cerca di favorire l’utilizzo della memoria, di stimolare le immagini mentali e di favorire la capacità di racconto.

  • La terapia comportamentale e la terapia di rimotivazione: in questo intervento si utilizzano il rinforzo positivo per aumentare e stimolare i comportamenti adeguati;

  • La R.O.T. – Reality Orientation Therapy: è la più diffusa terapia cognitiva e si prefigge di rafforzare le informazioni di base del paziente rispetto alle coordinate spazio-temporali e alla storia personale.

Tali interventi hanno lo scopo di migliorare la qualità della vita del soggetto e favorire il suo reinserimento nell’ambiente familiare e sociale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: